Vedo rosa

Ogni anno Pantone®, l’istituto americano specializzato in classificazione e catalogazione del colore, ci dà le indicazioni sui colori trend del prossimo futuro. Ma le mode, si sa, impiegano un po’ di tempo per dare i loro risultati. Ed è così che mi trovo oggi, nel 2018, a riflettere sul colore Pantone del 2016: il 13-1520 o Rosa Quarzo.

 

 

Nel presentare il colore, Leatrice Eiseman, Direttrice Esecutiva di Pantone ha detto “i colori ci trasporteranno in luoghi felici e soleggiati, in cui sentirsi liberi di esprimere il proprio lato più leggero. Vivendo immersi in una cultura fatta di incertezze, dal canto nostro continuiamo a propendere per quelle tonalità delicate che offrono un senso di pace e relax.”

D’altra parte Audrey Hepburn affermò “Io credo nel rosa”, confessando la sua fede per questa nuance. Io invece nel 2016 non ci ho creduto affatto. E mi sbagliavo. In giro vedo cose rosa meravigliose e qua ve ne do un esempio.

Non dobbiamo aver paura di far apparire gli ambienti troppo sdolcinati, il rosa va oltre i confetti. Basta abbandonarsi alle suggestioni anni ’50 ed anni ’80. Alcune pubblicazioni come “Colori tenui” di Selina Lake (Ed. Logos) e “Enciclopedia degli schemi di colore e di superficie” di Adrienne Chinn (ed. Il Castello) svelano tanti modi creativi con cui queste sfumature arricchiscono gli spazi senza farli apparire infantili.

Qualche consiglio? Il rosa infonde calore a un ambiente buio ed è l’ideale per le stanze esposte a Nord, inoltre può far sembrare più grande una stanza piccola.

Le immagini sono tratte dal portale Dezeen